POR MARCHE FESR CULTURA 2014-2020 – ASSE 3 – OS 8 – AZIONE 8.1

POR REGIONE MARCHE FESR 2014-2020 – ASSE 3 – OS 8 – AZIONE 8.1

“SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE E AGGREGAZIONE IN FILIERE DELLE PMI CULTURALI E CREATIVE , DELLA MANIFATTURA E DEL TURISMO AI FINI DEL MIGLIORAMENTO DELLA COMPETITIVITÀ IN AMBITO INTERNAZIONALE E DELL’OCCUPAZIONE“

Beneficiari:

Progetti singoli/associati: micro, piccole e medie imprese e le Associazioni e Fondazioni, in forma singola, consorziata, associata (contratto di rete, ATS o RTI, con un minimo di 3 ed un massimo di 6 partner), che esercitano attività economica principale o secondaria rientrante nei codici ATECO 2007 di cui in Elenco A del bando.

Progetti di rete, proposti da massimo 8 partner, di cui almeno 2 micro imprese, ed almeno uno dovrà esercitare attività economica principale o secondaria rientrante nei codici ATECO 2007 di cui in Elenco A del bando. Potranno essere ammessi a finanziamento partner di cui all’Elenco A1 del bando, con riferimento a progetti di sviluppo di prodotti e servizi e di promo-commercializzazione finalizzati alla promozione integrata del territorio, nelle sue componenti di arte, storia, cultura e ambiente che vedono la collaborazione di botteghe dell’artigianato artistico, operatori culturali e turistici, imprese di trasformazione alimentare, etc

 Attività:

Sono ammissibili alle agevolazioni del presente bando le seguenti tipologie progettuali:

  • Progetti aziendali di innovazione organizzativa e gestionale delle imprese operanti nell’ambito culturale e creativo;
  • Progetti aziendali di investimento quali acquisizione di mezzi di produzione ed insediamento di nuove attività che favoriscano la ‘cross fertilization’ tra i settori interessati in spazi attrezzati pubblici e privati;
  • Progetti di sviluppo di processi, prodotti e servizi innovativi da parte delle imprese culturali e creative per la conoscenza del territorio e delle produzioni locali.
  • Progetti di sviluppo di processi, prodotti e servizi innovativi da parte delle imprese culturali e creative con le altre filiere produttive del territorio come ad esempio quella della manifattura e del turismo utili a migliorare l’integrazione tra settore culturale e altri settori.

 Spese ammissibili:

  • Progettazione entro il limite del 10%
  • Spese di personale (entro il limite del 40%)
  • Spese per servizi di consulenza (gestionali, commerciali, consulenze specialistiche, marketing, internazionalizzazone, etc.)
  • Spese di fidejussioni, legali, assicurative, notarili
  • Spese per altri servizi strettamente pertinenti alla natura del progetto da finanziare
  • Spese per brevetti e licenze
  • Strumentazione, attrezzature, macchinari, impianti, hardware e spese di connessione e impianti (mezzi mobili solo se strettamente necessari al ciclo di produzione)
  • Costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi direttamente imputabili alle attività svolte
  • Opere murarie ed assimilate (entro il limite del 20%) solo in caso di opzione De Minimis
  • Programmi informatici know how conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi

 

Contributo:

Tipologia progetti

Fondi disponibili

Costo dei progetti % di contributo

e regime di aiuto

minimo massimo

Progetti di rete (*)

1.967.986,16 150.000 400.000 50% a titolo di de minimis,  oppure

50% Reg. 651/2014

Progetti singoli o associati (**)

1.311.990,78 50.000 150.000

Totale

3.279.976,94    

 

(*) massimo 8 partner (**) da 3 a 6 partners

  • Regolamento CE n. 1407/2013 “de minimis”: ammissibili le spese a decorrere dal 1 gennaio 2016;
  • Regolamento CE n. 651/2014 e s.m.i.: ammissibili le spese successive alla data di presentazione della domanda di partecipazione.

I progetti dovranno essere realizzati e conclusi entro 18 mesi (548 giorni) successivi alla data del decreto di concessione del contributo, salvo proroghe debitamente concesse.

Scadenza:

28 febbraio 2017

>>>sintesi-bando-fesr-cultura

Rispondi